Legge 29 ottobre 2016, n. 199

Disposizioni in materia di contrasto ai fenomeni del lavoro nero, dello sfruttamento del lavoro in agricoltura e di riallineamento retributivo nel settore agricolo

Ente Stato
Fonte G.U.R.I.
n. 257
03/11/2016

thesaurus: Lavoro - Lavoro:Occupazione:Occupazione agricola - Lavoro:Occupazione:Occupazione irregolare e precaria

tipologia: Stato - Legge

In materia di lavoro nero  nel settore agricolo le disposizioni contenute  nella Legge 199/2016 mirano, in sintesi, a garantire  il rafforzamento delle procedure di contrasto sul piano civile e penale, la confisca dei patrimoni  delle aziende che commettono il reato di caporalato , nonché l''intensificazione dei controlli da parte degli organi preposti.  In particolare, la principale novità riguarda la riformulazione del delitto di intermediazione illecita e sfruttamento del lavoro (già inserito all'art. 603-bis del codice penale) attraverso la riscrittura della condotta illecita del caporale, ovvero di chi recluta manodopera per impiegarla presso terzi in condizioni di sfruttamento, approfittando dello stato di bisogno,  anche a  prescindere da comportamenti violenti, minacciosi o intimidatori.  Gli strumenti di contrasto vanno dal rafforzamento  dell'istituto della confisca e di altre misure cautelari, alla concessione di attenuanti in caso di collaborazione con le autorità, sino all'arresto obbligatorio in flagranza di reato. Tra  le  altre  disposizioni si segnalano le misure di sostegno e di tutela del lavoro agricolo.  In  dettaglio, è modificata la normativa che ha istituito presso l'INPS la cd. Rete del lavoro agricolo di qualità, alla quale possono essere iscritte le imprese agricole più virtuose, che non hanno riportato condanne penali per violazioni della normativa in materia di lavoro e legislazione sociale e in materia di imposte sui redditi e sul valore aggiunto e che non sono destinatarie, negli ultimi tre anni, di sanzioni amministrative, oltre ad essere in regola con il versamento dei contributi previdenziali e dei premi assicurativi. Altre modifiche riguardano  la composizione della cabina di regia della Rete,  alla quale sono attribuiti ulteriori nuovi compiti. È inoltre previsto un piano di interventi contenente misure per la sistemazione logistica e il supporto dei lavoratori stagionali, che curano la raccolta dei prodotti agricoli, nonché idonee forme di collaborazione con le sezioni territoriali della Rete, anche per la realizzazione di  modalità sperimentali di collocamento agricolo modulate a livello territoriale.

Consulta la versione integrale

Azioni sul documento